Rapid Alert

Nell’ambito della sicurezza trasfusionale uno strumento che consente la rilevazione immediata di situazioni critiche per il sistema trasfusionale è rappresentato dalla funzione “Rapid Alert”.

Questa funzione, attiva a livello nazionale attraverso il Sistema Informativo SISTRA in relazione alla segnalazione di reazioni indesiderate gravi nei donatori di sangue, nei pazienti trasfusi e in caso di incidenti occorsi durante il processo trasfusionale, ha anche una valenza sovranazionale ponendosi come strumento di comunicazione tra gli Stati Membri.

Infatti le Autorità competenti in ambito di sangue ed emocomponenti dei paesi dell’Unione Europea, possono condividere e scambiare, attraverso una piattaforma web dedicata, informazioni rilevanti per la sicurezza dei prodotti trasfusionali e quindi dei pazienti trasfusi.

In particolare ogni nuova infezione emergente o riemergente segnalata in uno Stato Membro, che può avere impatto sulla sicurezza trasfusionale (possibilità di trasmissione ai pazienti attraverso donazioni raccolte da soggetti donatori portatori asintomatici dell’infezione), può essere segnalata attraverso la piattaforma web e genera immediatamente una comunicazione (un “alert”) a tutti gli altri Stati, che possono tempestivamente adottare le opportune misure di sorveglianza e di prevenzione della trasmissione attraverso il sangue e i suoi componenti sul proprio territorio di competenza.

Quando si genera una situazione epidemiologica di allarme, attraverso la stessa piattaforma, gli Stati europei possono monitorarne l’andamento nel tempo e condividere piani strategici di preparazione e risposta con il contributo fondamentale dell’ European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC), agenzia europea, istituita nel 2005 con sede a Stoccolma, per rafforzare le difese dell’Europa contro le malattie infettive:

www.ecdc.europa.eu

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Support_E_WEB

Plasma iperimmune, monitoraggio periodico

Nelle banche del sangue dei sistemi regionali italiani sono attualmente disponibili 5.118 sub-unità di plasma iperimmune donato da pazienti guariti dal Covid-19, raccolte da 175 servizi trasfusionali distribuiti su tutto il territorio nazionale. È il risultato del monitoraggio che il Centro Nazionale Sangue effettua periodicamente presso le regioni italiane.

Read More »