La trasfusione

Sono passati quasi due secoli da quando, nel 1818, un medico inglese (tale James Blundell) eseguì con successo la prima trasfusione di sangue, da braccio a braccio.
 
Il donatore e il paziente ricevente, che erano marito e moglie, erano rimasti vicini per tutto il tempo, nell’attesa che l’operazione terminasse. 
 
Oggi invece è possibile raccogliere il sangue in un contenitore in cui è presente un liquido che ne impedisce la coagulazione e così conservarlo e disporre di scorte pronte ad essere utilizzate nei casi di bisogno. 
 
Esistono infatti malattie e particolari condizioni in cui il sangue è un vero e proprio farmaco salvavita.
 
Nei casi di malattie del sangue, come tumori, leucemie  o emofilia, nei casi di gravi incidenti o di operazioni chirurgiche e trapianti d’organo, il sangue è insostituibile. 
 
È anche possibile trasfondere singolarmente le frazioni del sangue (concentrati di globuli rossi, piastrine, plasma) e oggi si tende a privilegiare questa pratica, limitando le trasfusioni di sangue intero ai soli casi in cui è indispensabile.
 
In alcuni casi è possibile pre-depositare il proprio sangue per utilizzarlo in un secondo momento, in previsione di interventi particolarmente impegnativi, ad esempio gli interventi al cuore. Si parla in tal caso di autotrasfusione. Valutata l’idoneità del paziente, il sangue viene prelevato in più sedute, in quantità sufficiente a coprire la quantità di perdite previste durante l’intervento.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Support_E_WEB

Plasma iperimmune, monitoraggio periodico

Nelle banche del sangue dei sistemi regionali italiani sono attualmente disponibili 5.118 sub-unità di plasma iperimmune donato da pazienti guariti dal Covid-19, raccolte da 175 servizi trasfusionali distribuiti su tutto il territorio nazionale. È il risultato del monitoraggio che il Centro Nazionale Sangue effettua periodicamente presso le regioni italiane.

Read More »