Allegato X

EMOCOMPONENTI PER USO NON TRASFUSIONALE


PARTE E

Nel caso sia vigente una precedente normativa regionale, che prevede l’affidamento in capo a struttura non Trasfusionale  della qualificazione del personale che effettua la preparazione dell’emocomponente per uso non trasfusionale, è legittimo da parte del SIMT rilasciare la delega alla produzione a fronte del nuovo DM? 

 
RISPOSTA. Premesso che la produzione di emocomponenti autologhi da utilizzare per uso non trasfusionale può essere effettuata in strutture sanitarie pubbliche e private, accreditate o non accreditate, in accordo con quanto sancito dal DM 2 novembre 2015 (allegato X, paragrafo E, paragrafo 1), si rappresenta che, alla luce delle norme introdotte dal succitato decreto, è compito del Servizio Trasfusionale (allegato X, paragrafo E, comma 2) svolgere funzione di controllo delle attività relative alla preparazione ed applicazione degli emocomponenti autologhi per uso non trasfusionale attraverso la definizione delle modalità per:
“2.1 l’addestramento e la formazione del referente responsabile e dei sanitari coinvolti;
2.2 l’identificazione degli operatori responsabili della preparazione e dell’applicazione terapeutica;
2.3 la registrazione dei prodotti e dei pazienti per i quali sono impiegati;
2.4 la notifica degli eventi/reazioni avverse;
2.5 lo svolgimento di periodiche attività di verifica”.
In base a quanto premesso, nulla osta a che il Servizio Trasfusionale possa avvalersi di altre strutture/professionisti, in ragione delle specifiche competenze, per lo svolgimento delle attività di addestramento/formazione del personale a cui sarà delegata la preparazione e la somministrazione degli emocomponenti autologhi ad uso non trasfusionale presso strutture sanitarie pubbliche e private, accreditate o non accreditate. Si sottolinea che, in ogni caso, ricade sotto la responsabilità del Servizio Trasfusionale la definizione dei protocolli di addestramento/formazione del personale nonché l’identificazione degli operatori ai quali essi sono destinati.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

“Una goccia per la Vita. La carenza di sangue ed emoderivati ai tempi del Covid-19”

Le criticità che hanno impattato la rete trasfusionale e l’obiettivo auspicabile dell’autosufficienza e di una maggiore sostenibilità del sistema sangue saranno al centro della conferenza “Una goccia per la Vita. La carenza di sangue ed emoderivati ai tempi del Covid-19”, promossa su iniziativa del Senatore Antonio Barboni il 13 luglio alle 11 presso la sala Caduti di Nassirya del Senato della Repubblica.

Read More »

Haemo_Pal, formazione e cura per le malattie ematologiche congenite in Palestina

Firmata anche l’intesa tecnica relativa al progetto “Potenziamento dei centri clinici per la diagnosi e cura delle malattie emorragiche congenite e delle emoglobinopatie in Palestina – Haemo_Pal”. Il progetto, condotto dall’Istituto Superiore di Sanità e coordinato dal Centro Nazionale Sangue, nell’ambito delle attività dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – Ministero degli Affari Esteri (AICS), di supporto al Ministero della Salute palestinese, è finalizzato al potenziamento dei centri clinici per la diagnosi e la cura delle malattie ematologiche congenite.

Read More »