Gestione elenco nazionale VSTI

Il percorso disegnato dal DLgs 20 dicembre 2007 n. 261 e dall’Accordo del 16 dicembre 2010 (All. B, Modello per le visite di verifica dei Servizi trasfusionali e delle Unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti) prevede che la attestazione della conformità ai requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici applicabili alle strutture trasfusionali sia conseguita attraverso i processi regionali di autorizzazione e accreditamento, con l’obbligo in tutte le Regioni e Province autonome di verificare le suddette strutture almeno ogni due anni, avvalendosi dei team di verifica regionali integrati da almeno un valutatore qualificato a cura del Centro Nazionale Sangue (CNS) e iscritto nell’Elenco nazionale dei Valutatori del Sistema Trasfusionale Italiano (VSTI).

Il DMS 26 maggio 2011, recante “Istituzione di un elenco nazionale di valutatori per il sistema trasfusionale per lo svolgimento di visite di verifica presso i servizi trasfusionali e le unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti”, riprendendo i contenuti dell’All. B del sopraccitato Accordo, demanda al CNS la responsabilità di:

  • istituire l’Elenco nazionale dei VSTI, finalizzato allo svolgimento dei compiti previsti dall’art. 5 del Dlgs 261;
  • curare la formazione ed il continuo aggiornamento dei VSTI;
  • verificare periodicamente il mantenimento delle competenze dei VSTI al fine di accertare l’idoneità alla permanenza nel suddetto Elenco;
  • gestire l’Elenco.

L’Elenco viene aggiornato con Decreto del Direttore del CNS periodicamente e a seguito dell’introduzione di nuovi VSTI designati dalle Regioni e Province autonome e qualificati dal CNS attraverso una formazione dedicata.

Il CNS ha messo a disposizione dei VSTI una web Community nel portale del Sistema Informativo Sanitario Nazionale (NSIS), con l’obiettivo di creare una piattaforma di confronto e di dialogo e uno strumento per la condivisione di documenti quali norme e guide pubblicate dal Centro.

Il Forum rappresenta uno strumento di supporto all’implementazione, su scala nazionale, dei percorsi di verifica regionali finalizzati all’autorizzazione/accreditamento delle strutture trasfusionali. Il confronto sul set comune dei requisiti applicabili rappresenta una opportunità di crescita culturale del sistema e una garanzia di omogenea applicazione degli stessi; nel contempo, il Forum offre al CNS un prezioso punto di osservazione sulla complessiva evoluzione del processo e un riscontro per delineare le future strategie formative e di verifica del mantenimento delle competenze dei VSTI.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

“Una goccia per la Vita. La carenza di sangue ed emoderivati ai tempi del Covid-19”

Le criticità che hanno impattato la rete trasfusionale e l’obiettivo auspicabile dell’autosufficienza e di una maggiore sostenibilità del sistema sangue saranno al centro della conferenza “Una goccia per la Vita. La carenza di sangue ed emoderivati ai tempi del Covid-19”, promossa su iniziativa del Senatore Antonio Barboni il 13 luglio alle 11 presso la sala Caduti di Nassirya del Senato della Repubblica.

Read More »

Haemo_Pal, formazione e cura per le malattie ematologiche congenite in Palestina

Firmata anche l’intesa tecnica relativa al progetto “Potenziamento dei centri clinici per la diagnosi e cura delle malattie emorragiche congenite e delle emoglobinopatie in Palestina – Haemo_Pal”. Il progetto, condotto dall’Istituto Superiore di Sanità e coordinato dal Centro Nazionale Sangue, nell’ambito delle attività dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – Ministero degli Affari Esteri (AICS), di supporto al Ministero della Salute palestinese, è finalizzato al potenziamento dei centri clinici per la diagnosi e la cura delle malattie ematologiche congenite.

Read More »