Allegato VIII

ALGORITMO PER LA GESTIONE DEI RISULTATI DEI TEST INFETTIVOLOGICI DI QUALIFICAZIONE BIOLOGICA DEGLI EMOCOMPONENTI E PER LA CONSEGUENTE GESTIONE DEI DONATORI E DEL LOOK BACK


PARTE B1
PUNTO B1.2
 

Nel caso dei test di qualificazione biologica eseguiti con altra metodica, quali soluzioni operative possono essere suggerite al fine di limitare i costi di implementazione di doppia metodica convalidata in ciascun CQB, evitare le trascrizioni manuali e garantire le tempistiche indicate nel DM? 

 
RISPOSTA. Nel caso in cui sia necessario eseguire un secondo test con metodica differente, tale test deve essere eseguito con “altro metodo analitico di sensibilità comparabile a quella del test utilizzato per lo screening” (allegato VIII, punto B.1.2). In base a quanto disposto dall’ASR del 16 dicembre 2010 sui requisiti minimi organizzativi, strutturali e tecnologici delle attività sanitarie dei Servizi Trasfusionali e delle Unità di Raccolta e sul modello per le visite di verifica, “le procedure relative ai test previsti dalla normativa vigente per la qualificazione biologica del sangue e degli emocomponenti sono formalizzate e convalidate prima della loro introduzione e riconvalidate ad intervalli periodici ed a seguito di modifiche rilevanti” (Sezione 3 – Requisiti Organizzativi, punto O.63).

Inoltre, “per quanto concerne gli esami di qualificazione biologica, il sistema prevede l’obbligatorietà di trasmissione/acquisizione delle liste di lavoro e di trasmissione/acquisizione dei risultati esclusivamente per via informatica, senza passaggi manuali” (allegato XII, punto 6.5).
Il modello organizzativo ottimale della rete trasfusionale regionale deve essere parametrizzato in funzione degli assetti locali della predetta rete. Tuttavia, si ritiene che prevedere la disponibilità di metodi analitici alternativi nei Centri di Qualificazione Biologica presenti nell’ambito della rete trasfusionale regionale, o in quella di regioni limitrofe, consenta di ottemperare agevolmente alle disposizioni previste dalla normativa vigente utilizzando le risorse in modo razionale ed efficiente, a vantaggio della sostenibilità complessiva del Sistema.

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

“Una goccia per la Vita. La carenza di sangue ed emoderivati ai tempi del Covid-19”

Le criticità che hanno impattato la rete trasfusionale e l’obiettivo auspicabile dell’autosufficienza e di una maggiore sostenibilità del sistema sangue saranno al centro della conferenza “Una goccia per la Vita. La carenza di sangue ed emoderivati ai tempi del Covid-19”, promossa su iniziativa del Senatore Antonio Barboni il 13 luglio alle 11 presso la sala Caduti di Nassirya del Senato della Repubblica.

Read More »

Haemo_Pal, formazione e cura per le malattie ematologiche congenite in Palestina

Firmata anche l’intesa tecnica relativa al progetto “Potenziamento dei centri clinici per la diagnosi e cura delle malattie emorragiche congenite e delle emoglobinopatie in Palestina – Haemo_Pal”. Il progetto, condotto dall’Istituto Superiore di Sanità e coordinato dal Centro Nazionale Sangue, nell’ambito delle attività dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – Ministero degli Affari Esteri (AICS), di supporto al Ministero della Salute palestinese, è finalizzato al potenziamento dei centri clinici per la diagnosi e la cura delle malattie ematologiche congenite.

Read More »