Come avviene la donazione

Una donazione di sangue intero dura in media 15 minuti, da 30 a 60 minuti per una donazione di solo plasma. Un medico o un infermiere effettua il prelievo dal donatore disteso su di una poltrona-lettino. Dopo un’accurata disinfezione della cute, viene inserito l’ago in una vena e il sangue viene fatto scendere dal donatore alla sacca di raccolta che è posizionata in basso rispetto al donatore. È una procedura controllata e sicura: tutti gli aghi e i tubi del circuito del prelievo sono sterili e vengono utilizzati una sola volta. Non c’è rischio di contrarre alcuna malattia infettiva. Il corpo del donatore rimpiazza tutti i fluidi persi nella donazione nell’arco di 24 ore.

 
La donazione può essere “occasionale” o “periodica”. Il donatore si definisce periodico quando si reca per più di due volte presso una struttura trasfusionale per rinnovare l’atto della donazione. L’obiettivo di tutti i centri trasfusionali è arrivare ad avere la maggior parte possibile di donatori periodici che sono più controllati e quindi più sicuri per il ricevente. 
 
Per la protezione del ricevente e per monitorare lo stato di salute del donatore, vengono eseguiti su ogni unità di sangue raccolta, i seguenti esami:
 
 
Per la protezione del ricevente:
  • Ricerca anticorpi anti HIV (Human Immunodeficiency Virus) 
  • Ricerca degli anticorpi anti HCV (Hepatitis C Virus) 
  • Ricerca dell’antigene di superficie del virus dell’epatite B (HbsAg=Hepatitis B superficial Antigene) 
  • Sierodiagnosi per la Lue (sifilide) 
  • HCV RNA
  • HIV RNA
  • HBV DNA
 
Per monitorare la salute del donatore:
  • Creatininemia 
  • Glicemia 
  • Protidemia 
  • Protidogramma elettroforetico 
  • Emocromo 
  • Ferritinemia 
  • ALT 
  • Colesterolemia 
  • Trigliceridemia
 
Qualora gli esami evidenzino patologie o valori al di fuori della norma, il donatore viene tempestivamente informato dalle Strutture Trasfusionali o dall’Associazione Donatori. In ogni caso, normalmente,  gli esiti degli esami vengono consegnati al donatore direttamente a casa.
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

Registro donatori midollo, nel 2020 difficoltà per il Covid ma anche record

Nel 2020, nonostante le difficoltà provocate dalla pandemia, oltre a garantire la continuità delle cure l’IBMDR, il Registro italiano donatori midollo osseo, e la rete italiana di donazione e trapianto da non familiare hanno registrato il numero massimo di trapianti da donatore non familiare in oltre 30 anni di attività così come il maggior numero da sempre di donazioni da donatore IBMDR

Read More »
Support_E_WEB

Plasma iperimmune, monitoraggio periodico

Nelle banche del sangue dei sistemi regionali italiani sono attualmente disponibili 5.118 sub-unità di plasma iperimmune donato da pazienti guariti dal Covid-19, raccolte da 175 servizi trasfusionali distribuiti su tutto il territorio nazionale. È il risultato del monitoraggio che il Centro Nazionale Sangue effettua periodicamente presso le regioni italiane.

Read More »