Quando serve il sangue

Le trasfusioni di sangue rappresentano una terapia salvavita in numerose evenienze.


In caso di eventi traumatici, come incidenti o interventi chirurgici.


In caso di patologie croniche, per esempio nelle anemie congenite come la Talassemia.


Per il superamento di stati critici dovuti a malattie del sangue (leucemia) o degli effetti dovuti alle chemioterapie anti-cancro che, nel distruggere le cellule tumorali, possono danneggiare le cellule del midollo osseo e perciò richiedono un sostegno alla sua ripopolazione attraverso l'infusione di globuli rossi.


L’utilizzo di sacche di sangue fresco (globuli rossi, piastrine) o plasma in regime di chirurgia può variare, a seconda, delle situazioni da un paio di unità, fino alle 10 e anche 20 nel caso di interventi complessi come i trapianti o la protesi d’anca.


Si è calcolato che nel mondo, approssimativamente, ogni 2 secondi qualcuno ha bisogno di sangue.


BLOODSPOT
  • Il sangue 'artificiale' non sostituisce quello donato

    Il metodo per produrre globuli rossi a partire da staminali descritto dall’università di Bristol e pubblicato sulla rivista Nature Communications è ‘interessante’ per applicazioni ‘di nicchia’ ma non sostituisce il sangue donato. Lo afferma Simonetta Pupella, direttore dell’area sanitaria e dei sistemi ispettivi del Centro Nazionale Sangue commentando lo studio.

     

Tutte le News
IN PROGRAMMA
Mese precedente Mese prossimo
luglio 2017
lun mar mer gio ven sab dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31
CALENDARIO