×

Messaggio di errore

  • Notice: Trying to get property of non-object in eval() (linea 6 di /var/www/vhosts/centronazionalesangue.it/httpdocs/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).
  • Notice: Trying to get property of non-object in eval() (linea 6 di /var/www/vhosts/centronazionalesangue.it/httpdocs/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).
  • Notice: Trying to get property of non-object in eval() (linea 6 di /var/www/vhosts/centronazionalesangue.it/httpdocs/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).
  • Notice: Trying to get property of non-object in eval() (linea 6 di /var/www/vhosts/centronazionalesangue.it/httpdocs/modules/php/php.module(80) : eval()'d code).

Relazioni internazionali

Il CNS svolge funzioni di coordinamento e controllo tecnico scientifico nelle materie disciplinate dalla Legge 21 ottobre 2005, n. 219 “Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale di emoderivati” agendo secondo principi di governance.

Ricerca e sviluppo

Ampliamento della raccolta e studio dei dati dell’attività di bancaggio di sangue placentare per trapianto allogenico nelle banche pubbliche italiane.
In collaborazione con: Fondazione Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico.

 

Applicazione della proteomica allo studio della conservazione dei concentrati eritrocitari in ambiente anaerobico
In collaborazione con: l’Università degli studi della Tuscia

 

IPTAS (Italian Platelet Technology Assessment Study)

 

Flussi informativi

SISTRA è  il nuovo Sistema Informativo dei Servizi Trasfusionali, istituito con Decreto del Ministero della Salute del 21/12/2007, e sviluppato come supporto strategico per il conseguimento degli obiettivi stabiliti dalla legge 219/2005: “autosufficienza di sangue e derivati, sicurezza trasfusionale, livelli essenziali di assistenza uniformi e sviluppo della medicina trasfusionale”.

Sangue cordonale

L’uso delle Cellule Staminali Emopoietiche (CSE) contenute nel Sangue del Cordone Ombelicale (SCO) rappresenta una realtà terapeutica ormai consolidata per il trattamento di pazienti affetti da diverse patologie del sangue.

In Italia la normativa vigente consente, nell’ambito dei servizi garantiti dal Sistema Sanitario Nazionale (SSN), la raccolta e la conservazione del SCO:

Plasma e plasmaderivati

Il plasma è la componente liquida del sangue che si può ottenere nel processo di raccolta dal donatore sia tramite separazione del sangue intero sia tramite procedure di aferesi produttiva. Il plasma raccolto in Italia proviene da donazioni volontarie, periodiche, responsabili, anonime e gratuite. Esso costituisce la materia prima per la produzione, attraverso processi di separazione e frazionamento industriale, di medicinali plasmaderivati, alcuni dei quali rappresentano veri e propri farmaci “salva-vita”.

Emovigilanza

L’emovigilanza è l’insieme delle procedure volte alla rilevazione e al monitoraggio delle reazioni indesiderate gravi o inaspettate nei donatori e nei riceventi e degli incidenti gravi inerenti al processo trasfusionale, nonché alla sorveglianza delle malattie infettive trasmissibili con la trasfusione e alla sorveglianza dei materiali e delle apparecchiature utilizzati nel processo trasfusionale (DM del 2 novembre 2015).

Gestione elenco nazionale VSTI

Nell’ottobre 2013 il CNS, nell’ambito di un progetto di ricerca denominato EMOQUAL, ha attivato una Community web nel portale del Sistema Informativo Sanitario Nazionale (NSIS) con l’ obiettivo primario di mettere a disposizione dei Valutatori Nazionali del Sistema Trasfusionale Italiano (VSTI) una piattaforma di confronto e di dialogo.

Autorizzazione/Accreditamento ST-UdR

Il settore trasfusionale è tenuto all'osservanza di un imponente corpus di norme di matrice sia nazionale sia europea che, fra l'altro, prevedono che, entro il 31.12.2014 , tutte le Strutture Trasfusionali ospedaliere (ST) e tutte le Unità di raccolta (Udr) gestite dalle associazioni di volontariato siano conformate ai requisiti qualitativi previsti dalle norme stesse. Tali requisiti sono stati armonizzati e dettagliatamente definiti con l’Accordo Stato-Regioni del 16 dicembre 2010.