News

E’ stato pubblicato sul sito dell’Agenas ed è aperto alla consultazione pubblica fino al 24 marzo a mezzanotte il documento sulla ‘Rete di Medicina Trasfusionale’ elaborato dal tavolo tecnico promosso dal Centro Nazionale Sangue. La linea guida delinea e raccomanda i requisiti minimi e le caratteristiche necessarie a creare una rete di medicina trasfusionale secondo il concetto di ‘Hub and spoke’, per valorizzare e consolidare tutte le realtà impegnate e garantire gli standard minimi di qualità e sicurezza richiesti dalle normative italiane ed europee.


Il decreto interministeriale 18 novembre 2015 disciplina le modalità di erogazione del contributo previsto della legge n.219/2005, al fine di garantire la retribuzione dei lavoratori dipendenti in caso di inidoneità alla donazione di sangue, limitatamente al tempo necessario all’accertamento dell’idoneità e alle relative procedure. L’INPS, in una circolare del 7 febbraio 2016, ha fornito ai soggetti interessati le istruzioni contabili e tutte le specifiche necessarie per determinare le modalità di erogazione del contributo, i requisiti e la misura del rimborso.


Con il decreto del Ministro della salute 2 novembre 2015: "Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti", sono stati aggiornati, alla luce delle nuove acquisizioni scientifiche e in coerenza con le normative europee, i requisiti di qualità e sicurezza del sangue e dei suoi componenti in tutte le fasi del percorso cha va dalla selezione del donatore  fino alla trasfusione  al paziente.


Nel mese di Novembre 2016 l’EDQM (European Directorate for the Quality of Medicines)  ha aggiornato le Good Practice Guidelines — «GPGs» che, come previsto dalla direttiva 2005/62/CE, dettano le norme e le specifiche per i sistemi qualità dei  servizi trasfusionali. Le nuove GPGs saranno contenute nella 19a edizione della Raccomandazione del Consiglio d'Europa: "Guide to the Preparation, Use and Quality Assurance of blood Components" .


FIDAS (Federazione Italiana Associazioni Donatori Sangue) presenta la settima edizione del Premio Giornalistico “FIDAS-Isabella Sturvi”. Nato nel 2010, il Premio nel corso degli anni ha accresciuto l’interesse da parte dei professionisti del settore diventando un punto di riferimento dell’informazione sul Sistema Sangue nazionale.


Le Regioni Toscana e Umbria, insieme al Centro nazionale sangue (CNS), Istituto Superiore di Sanità (ISS), hanno incontrato a Tirana il Ministro della Salute, On. Ilir Beqaj, per definire modalità di collaborazione tecnico-scientifica finalizzate al supporto del trattamento dei pazienti emofilici albanesi. In Albania è presente un centro di cura dell’emofilia presso l’Ospedale Madre Teresa di Tirana che non è in grado attualmente di garantire una copertura adeguata dei bisogni di cura dei 300 pazienti affetti da emofilia e altre malattie emorragiche congenite (MEC).


C'è posto per te - Campagna giovani FIDAS


Si è svolto oggi presso l’Istituto Superiore di Sanità il convegno scientifico internazionale “Recenti acquisizioni su conservazione dei globuli rossi e outcome clinici” organizzato dal Centro nazionale sangue con il patrocinio del Ministero della salute ed il contributo scientifico della Società Italiana di Emoreologia Clinica e Microcircolazione (SIECM); Società Italiana Talassemie e Emoglobinopatie (SITE); Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia (SIMTI).


Sabato 20 febbraio 2016 si è tenuto a Roma il Giubileo dei donatori di sangue con l'incontro con papa Francesco. L’udienza Giubilare è iniziata alle ore 11.00 seguita dal Pellegrinaggio alla Porta Santa di San Pietro. Decine di migliaia di volontari italiani Avis, Croce Rossa, Fidas e Fratres sono stati accolti in Piazza San Pietro per celebrare il valore del dono. L' evento è stato organizzato dalla Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue.


Raccomandazioni per il buon uso del sangue e dei plasmaderivati. Un opuscolo a cura del Servizio Sanitario Regionale Emilia-Romagna, Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale

Area Metropolitana di Bologna che racchiude, in maniera sintetica, informazioni scientifiche e indicazioni terapeutiche finalizzate a garantire la migliore terapia trasfusionale per i pazienti.